L’utero

La crescita migliore che possiamo far fare a chi dipende da noi è un po’ quella di imitare l’utero: l’utero sta insieme, ma per farti viaggiare; l’utero non si attacca a una sola fase, ma gli piacciono tutte le fasi perché nel viaggio non c’è un fotogramma o una fase che non c’entra. Se una madre riesce a stare in un atteggiamento di chi ci tiene, fa un contratto, lo vedremo, però che si sa staccare, riprendere, rispettare la fase, sapendo che prima o dopo il fine di questa relazione è l’espulsione dall’utero, è la nascita adulta del figlio, non è il rimanere in relazione con me perché altrimenti io che faccio nella vita, io sto male, perché io, a mia volta, non ho avuto relazioni affidabili.
Accoglienza al Corso, Madre Neonato,25-11- 2014

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FACEBOOK

5x1000-Fondazione Nuova Specie