ALEA IACTA EST! 14 febbraio 2022. Riscontri

Oggi, giorno di S. Valentino, mi fidanzo col progetto MADNUS e, come PIP, mi metto alla guida della locomotiva fetogenetica MADNUS. Qui vivra verra.

Caro Mariano
in questi giorni ho avuto pensieri contrastanti sulla tua decisione di cancellarti dall’ OdM, non ero convinta che fosse una buona idea, né che non lo fosse, non la capivo molto, soprattutto se la vedevo legata alla sospensione conseguente al mancato vaccino. La sospensione è stata “inflitta”, genericamente, anche, al medico corrispondente all’iscrizione n° xxxx, non a Mariano Loiacono, anche medico, non in regola con l’obbligo vaccinale.
Oggi, soprattutto guardando le foto che hai inviato, la fierezza e determinazione con cui sei entrato, ma soprattutto, uscito dal TEMPIO, ho capito che è stato un vero Wendepunkt che hai fatto, che avevi bisogno di fare, un ulteriore passaggio di liberazione, così come hai scritto. Non cambierà niente per l’OdM, per cui sei stato un numero. Non cambierà niente per noi che continueremo ad amarti (quasi) incondizionatamente.
Buon viaggio a noi tutti e onore a te, macchinista.
Un abbraccio, Lucia T.

Caro Mariano, grazie per la condivisione.
Sicuramente l’essere medico inizialmente ti è servito ed aiutato molto, ed hai utilizzato il ruolo come anche gli altri dottori dovrebbero fare, cercare altre strade per dare alla vita propria e quella degli altri un senso più globale, ciò purtroppo non accade. La tua è una vocazione che oggi riconoscono in pochi e ancora chi vive un forte disagio. Hai dato un ulteriore taglio a quella madre e mi è arrivato che ci sei arrivato anche con leggerezza e adultità sinceri. Sei un uomo che è diventato tale non perché medico ma perché la tua grandezza perdona anche quell’istituzione che è ferma da tempo, l’hai perdonata più volte in profondità aggiungendo una ricerca tua che torna anche a loro ai quali fa comodo non vedere. Un ‘isola in mezzo ad un mare in tempesta, grazie a te tante persone in quel mare hanno imparato anche a starci. Chiamiamola come vogliamo, ma è questa secondo me la medicina che in molti vorrebbero e che viene dal cuore…
Ti voglio bene, Giampiero C.

Caro Mariano,
penso che oggi hai fatto un altro pezzettino di prassi, nella storia, per sanare le parti frantumate di quel simbolico dominante e universale, che elimina quando non sei uniformato. Scegliendo “diversamente”, hai dato più valore al tuo biorganico autopoietico e molteplice. Oggi quando ti ho letto ho pensato che questo è un bell’esempio, per tutti noi, di come si può riportare il codice simbolico alla propria funzione, ovvero al servizio del biorganico e dei codici più antichi. Questo non è un esempio quindi di storia che risolve la metastoria? E lo hai fatto proprio nella giornata dell’antica festività romana dei Lupercalia (sostituita simbolicamente poi, con un allontanamento mostruoso dai codici profondi, dalla festività cristiana degli innamorati, dove l’amore romantico esclude completamente il negativo). Penso già lo sai, ma durante i Lupercalia venivano organizzati rituali e cortei dedicati alla rinascita della natura e alla sovversione dell’ordine costituito in modo che quel medesimo ordine potesse rinascere purificato. Sta mattina leggevo l’origine di questa festa e poi quando sono arrivate le tue foto… beh mi è sembrata una bella coincidenza, ho sentito un brivido: penso che hai dato ulteriore spazio alla nascita del nuovo codice, oltre tutte le epistemologie che fino ad ora hanno visto la storia al contrario.
Secondo un mio parere questa può diventare una data importante anche per la Fondazione Nuova Specie.
Volendoci bene, nella GUK, Elisa

Caro Mariano coraggioso e concreto,
mi ha fatto contento leggere le righe che hai inviato e vedere le foto della firma.
Sei il primo Madnus proprio perché in pochi giorni hai scelto e hai concretizzato questa firma Wendepunkt.
Mi ha emozionato il discorso rispetto l’ordine delle madri perché come sempre riesci a portare più in profondità ciò che già è di per sé importante.
Sono contento della festa che hai trovato al tuo rientro, te la sei meritata oggi come in tutti gli oltre cinquant’anni di valoroso impegno che hai messo giorno per giorno per costruire una nuova Weltanschauung necessaria per questa umanità ormai disgregata e frantumata. L’ordine dei medici non ci ha capito un cazzo.
Grazie per essere un esempio che mi spinge oltre quello che sono oggi per arrivare a poter abbracciare la GUK come Co-creatore.
Ti voglio bene e ti festeggio da qui, Amerigo

Caro Mariano,
questa firma sancisce un passaggio importante per te ma anche per noi.
Ti ammiro per la tua determinazione nel procedere incerto.
Noi e tutti i 10.000 esseri facciamo festa per te!
CVTB Victoram

Carissimo Mariano, mi emoziona questo tuo deciso passaggio dall’ essere medico e appartenere ad un ordine all’essere uomo libero da ogni appartenenza se non alla GUK. Ti auguro in questo tempo di gustare e nutrirti delle belle relazioni delle tantissime attività e della grande profondità che hai saputo seminare e far crescere proprio spuntando sangue per ascoltare te stesso in un’istituzione ottusa e vigliacca.
Sono orgogliosa di te e del tuo tenerci all’avanzamento della tua scintilla vitale.
Ti voglio donare questo piccolo sketch tratto dal film Patch Adams perché secondo me ti rappresenta… e tu stai dando finalmente una dignità alla parola medico.

Ci Vogliamo Bene, Mari

Caro Mariano,
ogni tuo passaggio profondo ed onesto porta una grande semina e un fruttuoso raccolto.
Mi ha fatto piacere vederti così nel giorno che sancisce la tua libertà e il tuo nuovo fidanzamento.
Sei ancora una volta coraggioso e solidale, continuo a tifare per te e per tutti noi.
CVTB, Benedetta

Caro Mariano,
durante un convegno con la psichiatria a Bari di qualche anno fa, ho avuto l’onore di presentare la Fondazione.
Tra le altre cose, dissi che il nostro è un approccio deprofessionalizzato e che la chiusura del Centro di Medicina Sociale voluta da Vendola era stata una fortuna per il progetto perché ci spinse a creare la Fondazione e costruire il villaggio quadrimensionale. Al termine del mio intervento si avvicinò Marco M. che, quasi scandalizzato, mi disse che le cose che avevo detto erano improponibili e fuori luogo. Confesso che ci rimasi un po’ male visto il mio coinvolgimento che avevo a quel tempo con lui, ma mi ripresi subito proprio perché ero fermamente convinta di ciò che avevo detto.
Beh! La tua cancellazione dall’ordine dei medici, è un segno di concreta coerenza che ti caratterizza, è una spinta e incoraggiamento per noi che crediamo nel Progetto Nuova Specie nonostante le difficoltà che si possono incontrare quando ci confrontiamo con le istituzioni e con le persone sottomesse agli angoli alfa dominanti. Ti ammiro e stimo il tuo essere eretico e sono felice per esserti ripreso il tuo bel maschile a servizio del femminile.
Ti voglio bene ogni giorno di più, Grazia

 

“IN HOC SIGNO VINCES”…
…ma tu hai già vinto per la tua profonda sensibilità che hai saputo e continui a commutare in forza fusionale co-creativa realizzando opportunità straordinarie per tutti, noi.
Vicina a te con il cuore.
A presto, Silvia

Caro Mariano,
mi ha commosso vederti attraverso le foto in questo tuo passaggio, quello che hai fatto è di grandissimo valore, è un esempio di come saper lasciare, persino un “titolo” così importante per l’esterno, è necessario se ci impedisce di procedere per la nostra vita. La tua grandezza sta proprio nella coerenza e nell’avere fede in ciò che credi. Grazie per questo esempio che noi umanoidi dovremmo tenere sempre come luce per diventare un po’ più “Nuova Specie”, noi che ancora facciamo fatica a lasciare anche piccole cose, piccoli spazi pur di essere riconosciuti dalle nostre “madri” e dall’esterno.
Faccio festa per te, per questo procedere incerto e faccio festa per noi che ti abbiamo conosciuto e che ti abbiamo come accompagnatore metastorico.
Cvtb Eleonora

Caro Ma.d.nu.s.,
mi è piaciuto starti vicina in questo passaggio. È stato bello vedere la tua determinazione, la tua onestà e coerenza. Come ti ho riconosciuto, sei stato proprio bravo anche per una cosa così veloce e sterile come una pratica burocratica. Hai avuto la capacità di seminare anche in quella occasione.
Ho letto un po’ di mail di persone che non hanno visto positivamente la tua cancellazione dall’ordine. Io invece penso che sia stata una scelta giusta sia perché era una casacca che ormai non ti serviva più ma l’ho visto anche come un segnale per la Fondazione che non è più tempo di concentrarsi solo sul Metodo alla Salute (come stiamo facendo da qualche tempo a questa parte). Ti è servito essere medico quando l’unico modo per far conoscere questo progetto era quello di proporre un’alternativa al disagio. Da quando ci siamo trasferiti al Villaggio, questa parte è diventata sempre meno preponderante. Certo, ancora è una parte importante ma non è l’unica. Stanno cominciando ad arrivare persone anche per i nostri progetti legati all’arte o per i corsi di formazione…
Per fortuna ora c’è tanto altro e se le persone non vogliono avvicinarsi perchè non abbiamo una veste istituzionale, poco importa. Sento che l’acqua del diluvio del disagio sta salendo sempre di più e quindi stanno saltando anche tante resistenze legate ad alcuni angoli alfa precedenti. A me la tua cancellazione ha dato il senso che la nostra piccola astronave si è sganciata da tutto e sta vagando nella GUK. E questo mi dà un grande senso di apertura e di procedere incerto.
Ti voglio bene e ti stimo, Francesca

2 Commenti

  1. Monica

    Caro Ma.d.nu.s,
    In tanti anni l’ ordine dei medici non ha dimostrato un vero interesse per la persona nella sua interezza, profondità e storia. Medicalizzare una vita significa delegare la complessità di una persona a un semplice e comodo farmaco, mentre tu hai sempre creduto che con un percorso tutti possono uscire dal pozzo di vernicino. Allora perché appartenere a un ordine così retrogrado? Tu non te lo meriti come non si merita la psichiatria di avere una perla come te che tanto non viene compresa o scomoda. Sono contenta che ti sei liberato di questo schema e identità che ti ha appartenuto per tanti anni e spero che questo passaggio ti liberi ancor di più da zone pellucide legate al non riconoscimento di tanti colleghi. Purtroppo la psichiatria sta fallendo e non ha senso appartenervi, tanto onore al Progetto Nuova Specie. Con amore Monica

  2. Monica

    Caro Ma.d.nu.s,
    In tanti anni l’ ordine dei medici non ha dimostrato un vero interesse per la persona nella sua interezza, profondità e storia. Medicalizzare una vita significa delegare la complessità di una persona a un semplice e comodo farmaco, mentre tu hai sempre creduto che con un percorso tutti possono uscire dal pozzo di vernicino. Allora perché appartenere a un ordine così retrogrado? Tu non te lo meriti come non si merita la psichiatria di avere una perla come te che tanto non viene compresa o scomoda. Sono contenta che ti sei liberato di questo schema e identità che ti ha appartenuto per tanti anni e spero che questo passaggio ti liberi ancor di più da zone pellucide legate al non riconoscimento di tanti colleghi. Purtroppo la psichiatria sta fallendo e non ha senso appartenervi, tanto onore al Progetto Nuova Specie. Con amore Monica

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

FACEBOOK

5x1000-Fondazione Nuova Specie