“Tu sei il primo ImprendiCuore che conosco e di questo ne gioisco”, condivisioni di Gioele

Caro Mariano,
Sei stato veramente eccezionale questi 5 giorni, sei riuscito a dare profondità a qualcosa che ha superficializzato le nostre vite come l’economia.
In questi giorni sono stato attraversato da un’infinità di cose, dal ripensare al corso sull’economia del 2014 e il mio conseguente sprofondamento, ma anche altro di più vecchio.
Fin da quando ero piccolo, da quando ho sentito parlare di capitalismo e comunismo, ho sempre riflettuto molto su quest’aspetto. Semplificando molto, da bambino ero diviso in due, riflettendo su ciò, da una parte sentivo buono il senso di comunità e la solidarietà comune del comunismo, ma mi spaventava il non avere qualcosa di mio, la proprietà privata, ciò che difende il capitalismo.
Finora non sono mai riuscito a mettere insieme questi due opposti che hanno sempre combattuto dentro di me, ma ora, anche grazie a questa nuova esperienza lavorativa, ma soprattutto grazie alla tua ricerca, sto vedendo un insieme, è bello che hai messo insieme FiFi e CoGlo e il loro insieme è molto più della somma delle loro parti, ma forma una Gestalt che va oltre, che si proietta verso l’Utero Psi.
Tu esprimi sempre di più questo insieme e per questo ti darei un appellativo, ti chiamerei ImprendiCuore, un imprenditore del cuore e che segue il cuore, che ama e può fare ciò che vuole grazie a questo suo globale massimo.
Tu hai un vero spirito di impresa, non sto parlando del saper fatture e utilizzare la burocrazia e la legge per il proprio tornaconto, ma sei uno che si butta, che intraprende un viaggio e lo porta avanti, costi quel che costi, l’hai dimostrato con Federica, ma anche con lo stesso Villaggio.
La tua non è una nuova forma di fare soldi e di fare economia, ma una visione nuova, un includere l’economia per andare verso altro e questo non l’ho sentito ancora da nessuno. Ho sentito il voler fare i soldi onestamente, rubando, in maniera equa e solidale, in maniera uguale per tutti, andare contro i soldi, ma sempre lì si rimane, invece tu ti proietti verso la GUK verso una crescita comune, una cocreazione, che però non scorda l’individuo, la singola cellula, è unasa grande e ancora non ce ne rendiamo conto, questo mi sballa e mi sbarella, questo mi ha sbarellato anche nel 2014 e lo fa ancora, ma con una maturità diversa.
Tu sei il primo ImprendiCuore che conosco e di questo ne gioisco, potevo non conoscerne nessuno e sarebbe stato triste, il tuo cuore, coraggio, mi dà speranza, tu investi con il cuore nelle persone e segui il tuo cuore, il tuo sentire, non ciò che più ti conviene, ma questo fa fruttare o fa crollare, ma non la borsa, fa fruttare il nuovo, ciò che è buono per la vita delle persone e fa crollare ciò che non serve più.

Grazie

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FACEBOOK