Corso Maestrepolo, rubrica PASQUALINA: I PERCHE’ DELL’ESISTENZA. Perché l’allattamento… domanda di Elisa, riscontro di Moris

disegno di Monica Glorio

 

 

Perché l’allattamento al seno, pur essendo un atto di nutrimento che consente la crescita di un essere umano e quindi della specie, un atto che dovrebbe essere semplice, istintivo e facile, è invece in molti casi per le donne doloroso e anche talvolta dà origine a infezioni (es. mastiti), malesseri, etc.?

 

 

La relazione madre-figlia/o e l’azione dell’allattamento è la prima dinamica storica che una neonata/o sperimenta nell’arena esistenziale. Le epistemologie parziali ci hanno insegnato e trasmesso che la madre funge esclusivamente da quarta dimensione e viene tralasciato il fatto che durante la gravidanza, e soprattutto nel momento del parto, e durante l’allattamento, anche la madre stessa subisce uno stato di destrutturazione, e che quindi inizia una dinamica di due individui che sono entrambi prima dimensione, visto da un punto di vista più globale. La madre per antonomasia viene, in tutto e per tutto, messa in relazione e giudicata in base a come svolge la funzione. Non ho esattamente l’esperienza diretta, ma attraverso Eleonora ed altre madri ho notato come, sin da subito, si dà importanza a: “la bimba/o si attacca, mangia, aumenta di peso, fa’ il ruttino, caga, dorme, ha le coliche, dovresti metterti così, dovresti tenerla/o colì ecc. ” Nel senso che viene escluso il fatto che una donna, attraverso questa dinamica, ri-contatta FUK legati alla sua esperienza esistenziale che possono essere sciolti se accompagnati. Secondo me invece in quel momento, nel parto e durante l’allattamento, nasce una possibilità di esperienza da substrima, una possibilità per ambedue gli individui di diventare Maestrepoli. Anzi dirò di più, si può creare la prima esperienza di coppiarrrete, perché scusate, il padre, i genitori e tutte le persone che circondano questa situazione non potrebbero stare a partire da se stessi e mettersi in gioco? Sarebbe una situazione più matura e circolinfatica per tutti. Invece si giudica sempre dall’alto, soprattutto attraverso diagnosi a volte affrettate. Quante donne sono state giudicate attraverso lenti gravitazionali e parziali? Se ci pensiamo bene la gravidanza è una strada per ri-contattare la fusionalità , la placentazione, quando si partorisce e durante l’allattamento si contattano codici bio-organici, ma poi intervengono i nostri FUK e, nel caso della bambina/o, iniziamo ad attivare i 5 step per creare dei FUK, e così il codice analogico dà i primi segnali (mastiti, malesseri, coliche e via dicendo) e poi nascono le prime diagnosi (depressione o bi-polarismi da post-parto per esempio) che non vengono colti, e via il codice simbolico rappresenta il tutto in modo schizofrenico (o sei una brava mamma o sei cattiva, o sei funzionale o sei da compatire). Così una dinamica a quattro dimensioni da entrambe le parti, diventa una conclamata trombizzazione della circolinfa. E quindi, quello che può diventare per la madre una possibilità di sciogliere, diventa una dinamica che porta verso la lapis e per la bambina/o diventa la prima creazione di membrana, velo, specchio, muro di gomma, lapis… che porta verso un FUK. L’allattamento dovrebbe essere una seconda/terza dimensione alla pari, si potrebbero analogicamente ricontattare emozioni bio-organiche che potrebbero permettere alla mamma di ri-contattare la fusionalità (placentazione), grazie alla presenza di un individuo che proviene proprio da quella esperienza, e dall’altra parte ci potrebbe essere una prima esperienza di arena esistenziale accompagnata. Pensate che figata se in tutto questo partecipasse anche la rrrete. Beh, un semplice allattamento si trasformerebbe in una mega-dinamica-scialuppa-metastorica. Comunque questo ed altro si potrebbe approfondire attraverso il libro di un certo Dr. Loiacono “L’uomo a quattro dimensioni” … eheheheheh

Moris

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FACEBOOK

5x1000-Fondazione Nuova Specie