“Guardo le persone intorno ma scorgo la tua assenza… Vai pure, Alberto”…

Caro fratellino,

Ogni giorno, in questi giorni, ti penso. 

Mi sembra impossibile che non sei più qui con noi. Ho retto in queste settimane ma oggi sento che mi parlano di te il sole cocente e la frescura dell’acqua. Mi sono isolato per consolarmi e piango, perché oggi la tua assenza mi pesa di più. Mi guardo intorno alla ricerca del tuo volto e ti immagino che sbuchi dal mare con la testa ricciuta e la barba zuppe d’acqua, come se ci avessi fatto uno scherzo.  

Guardo le persone intorno ma scorgo la tua assenza. 

La tua violenta assenza. 

Spesso mi dicevi “Raffo”, poi ci abbracciavamo. Sentivo che non eravamo del tutto sciolti nel corpo ma un po’ alla volta ce l’avremmo anche fatta.  Certo che siamo limitati, certo che potevo fare di più ma se esci di scena dall’esistenza quando hai più bisogno come posso esprimerti il mio sentimento? 

Mi sento tradito in questo. Avrai anche scelto per te ma non hai tenuto conto di me, di noi. La cosa che mi sanguina dentro è la freddezza, Alberto. Ma quanto hai sofferto e quanto con la tua freddezza fai soffrire. Io sto soffrendo fratello caro, un po’ provo a comprenderti e un po’ ti maledico. Serve a me Alberto, non perché mi sento più bravo di te ma per liberare le mie emozioni. Io ho creduto in te e tu forse non hai creduto in me. 

Adesso vai pure Alberto sapendo che mi fa male ma che sei libero. 

Mi sento serenamente sciolto dalla tua vita. Riposa in pace, fratellino mio.   

Il mare mi ha consolato, mi ha permesso lo scorrere interiore. Di fianco a me si è appena posato un gabbiano, sei tu. Sei semplice, elegante ed austero, mi sembri sicuro ed insicuro su quello scoglio.  Vivi in gruppo ma sai anche ritirarti caparbiamente nella tua solitudine. 

Poi chiudo con una canzone, mentre il sole mi illumina e l’acqua mi avvolge. Ho scelto per te “Vorrei” di Francesco Guccini che tanto mi ha accompagnato nella mia adolescenza. Anche Guccini è stato a modo suo un anarchico, gli piace il buon vino, ed è una persona nostalgica. 

Ma sento, caro fratellino, anche grazie a te e a questa tragica uscita di scena dall’esistenza, che possiamo cambiare il titolo da “Vorrei” a “Voglio”. 

Io voglio! 

Ti voglio bene fratellino mio. 

Raffaele  

1 Commento/i

  1. Unknown

    Caro Raffaele grazie mille per aver condiviso questo bellissimo pensiero, in esso sono raccolte la maggior parte dei pensieri che ognuno ha per Alberto. Un dono prezioso il tuo che aiuta molto anche a me.
    Vorrei non aver mai vissuto tutto ciò.
    Voglio ricordare Alberto per ciò che è stato, con le sue fragilità, la sua dolcezza, la sua profondità la sua caparbietà,
    Voglio ricordarlo perché una parte sua vive anche in me .
    Voglio ricordarlo e portarlo nel mio cuore perché solo così diventerà immortale.
    Voglio ringraziarti per questo meraviglioso dono Raffaele , ti voglio bene ❤

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

FACEBOOK

5x1000-Fondazione Nuova Specie