San Severo (FG), venerdì 27 settembre 2013. TERZA EDIZIONE DEL PROGETTO LA FINESTRA DI BABICH. Primi due giorni.

  Fondazione Nuova Specie ONLUS
Presidente: Dr. Mariano Loiacono
 
A SAN SEVERO 
LA TERZA EDIZIONE 
DEL PROGETTO
“LA FINESTRA DI BABICH”,

DINAMICHE METASTORICHE
TRA DONNE


Primo giorno e Secondo giorno


E’ il giorno 27 Settembre 2013. Per noi due siciliane il viaggio inizia già di buon mattino. L’incontro in aereoporto è come fra due amiche che si trovano dopo molto tempo. Ci abbracciamo e ci dirigiamo verso l’uscita per prendere l’aereo alla volta della terra di Puglia. Appena in aereo Lina guarda fuori attraverso il finestrino tutta la bellezza della Sicilia vista dall’alto e in tutto il suo splendore. Il viaggio procede spedito nonostante le distanze. Ad accoglierci alla stazione di San Severo ci sono Mila, e Mirella
 
Arriviamo nella casa di Mila, accogliente, calda e comoda. L’atmosfera ci fa ben sperare. Il gruppo è quasi al completo ed è composto da 11 donne: Giovanna, Lara, Salvina, Lina, Stefania, Paola, Eleonora, Mirella, Daniela, Lucia. Le altre due ci raggiungeranno domani. Prima di cena il gruppo va alla scoperta delle vie di San Severo e si concede un buon gelato. Dopo cena ci attardiamo un po’ a chiacchierare prima di congedarci per la notte. 

Giorno 28 Settembre: arrivano accompagnate da Francesco, Luigi e Diego le altre due donne: Donatella ed Elena. Francesco nell’augurare a tutte un buon inizio riesce ad emozionare Lina a tal punto che inizia a piangere. 
Il gruppo è al completo ed il progetto può iniziare. Giovanna e Lara ci danno il benvenuto. Giovanna legge i vari messaggi di augurio per l’inizio del progetto, fra cui anche quello di Mariano, e ci spiega come nasce il progetto e perchè è chiamato “LA FINESTRA DI BABICH”.
Il logo suscita emozioni diverse a partire dal vissuto di ognuna di noi.  Vengono fuori pezzi di vita e ferite non ancora rimarginate. Dai racconti emerge il desiderio di essere ascoltate profondamente e viste in tutta la fragilità e ci accomuna il dolore nascosto e i bisogni soffocati. 
Siamo figlie, madri e donne allo stesso tempo, cresciute troppo in fretta, saltando tappe importanti per la crescita. 
Nel primo pomeriggio Mila ci comunica di voler far parte del gruppo. Continuiamo a raccontarci e a manifestare le nostre delusioni. C’è pure la curiosità di sapere come si svolgerà il progetto ed è per questo che Giovanna e Lara si soffermano nell’ultima parte della giornata a raccontarci la loro esperienza del primo Progetto “La finestra di Babich”, che nonostante le difficoltà ha permesso loro di crescere. Si arriva così fino a sera.
 
 Domani sarà l’inizio ufficiale del Progetto.

Salvina e Lina

1 Commento/i

  1. Unknown

    Le donne hanno “fame di se stesse”.
    È una fame che vuole appagamento. Da troppo tempo sono a digiuno le donne. Vogliono mangiare.
    Vogliono cibarsi di un femminile che le nutra davvero.
    Le donne spesso intuiscono che è proprio quella fame che le spinge verso relazioni amorose distruttive, verso il cibo ingurgitato o vomitato,verso scelte controvoglia e poi sofferte.
    È un altro cibo che vogliono le donne.
    Un cibo sano. Quello della loro anima femminile. Molte di noi riconoscono che dopo anni di percorso e dopo aver individuato i carcerieri delle nostre storie, comunque ancora facciamo fatica ad uscire anche da una gabbia la cui porta è stata aperta.e rischiamo se non troviamo un minimo di contesto devoto continuativo a scegliere di girarsi su se stesse a contorcesi in psicocità assurde che fanno male a chi le cisconda stanche le sfiora ancora l'idea di di volare dalla finestra antenata proteggi queste donne coraggiose Imma

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

FACEBOOK

5x1000-Fondazione Nuova Specie