Portici (NA), mercoledì 14 novembre 2012. GAS CAMPANIA A CASA DI MADDALENA ED ENZO.

FONDAZIONE NUOVA SPECIE ONLUS


Presidente Dr. Mariano Loiacono
GRUPPO ALLA SALUTE IN CAMPANIA
A CASA DI MADDALENA ED ENZO
A PORTICI (NA).



Si è riunito a Portici a casa di Maddalena il Gruppo alla Salute Campania. Hanno partecipato Maddalena, Mimmo, Annamaria, Primo e la moglie Giuseppina, Rosapaola, Chiara con il figlioletto  Diego ed i suoi genitori Gioacchino e…. e l’altro nipotino Nicolò
La conduzione è stata affidata a Maddalena e a Chiara. Abbiamo incominciato con i pensieri e con un piccolo accenno al Metodo alla Salute anche perché siamo partiti verso le 18:00 ed i genitori di Chiara non volevano ritornare a casa tardi.
Tutti hanno fatto il loro pensiero e per la prima volta io ho fatto un pensiero che avevo sempre rimandato, cioè quello di pensare di ricontattare mia sorella che ho visto per poco o niente in quasi trenta anni per alcune discussioni familiari. Ora penso che sia arrivato il momento buono (Kairòs) ma ha avuto un ruolo fondamentale anche il Metodo. Quasi tutti hanno fatto pensiero e comunicato tranne la mamma di Chiara che ha asserito di essere in veste di osservatore e che preferiva restare in ascolto.
C’è stato una bellissima partecipazione da parte di Annamaria che all’improvviso ci ha comunicato che lei dall’iniziale perplessità a trovarsi nel Gruppo è passata a dirci che lei ora si chiedeva chi lei stessa fosse e che non lo sapeva affatto e pertanto desiderava tanto scoprirlo interagendo con noi tutti e si è promessa di farlo anche per poter aiutare sua figlia che vive una situazione di disagio ed ancora declina di partecipare ai nostri Gruppi. 
Quasi tutti abbiamo fatto immersioni molto toccanti e qualcuno asserendo di ricordare solo un flash di episodio, è accaduto che si è lasciata andare ad una vera e propria full immersion davvero emozionante. Vi devo dire che è stata proprio di insegnamento la presenza dei bambini, i più vicini alla metastoria, liberi da sovrastrutture e sensibili alle emozioni più di tutti perché per tutto il tempo hanno assistito in modo eccezionale e con un naturale rispetto le nostre immersioni. Davvero bello.
Di materiale ne è venuto fuori tantissimo per darci poi modo di teorizzare alla fine, anche su episodi che all’apparenza possono sembrare di non tanta importanza. I nodi che ci portiamo e che ci hanno in parte bloccati risalgono sempre al contesto delle nostre famiglie d’origine e nel gruppo è emersa la mancanza di un accompagnatore che ci facesse scoprire noi stessi ed il nostro corpo in modo naturale, ma si sa per la cultura dalla quale vengono i nostri genitori certi argomenti sono tabù. Inoltre abbiamo soppresso, in modo del tutto naturale ritenendoci adulti, anche il dolore per la perdita di un nostro caro ed ora ci ritroviamo a fare i conti con nostre parti dimenticate ma che il nostro codice bio-organico ancora reclama. Infatti come nel caso di A. M. vive oggi da sposata ancora sensi di colpa vecchi ed un celato rancore verso la madre asserendo di non esser stata vista e voluta bene. Inoltre  si è evidenziato come il dolore dei nostri codici profondi, che noi molte volte attribuiamo ai luoghi ed ai nostri vicini ci perseguiti fino a quando non riusciamo in un contesto (Utero accogliente) a tirare fuori la nostra rabbia ed i nostri dolori
Raccontarci i nostri vissuti è servito molto per cercare di capire quali meccanismi si inneschano in noi a tal punto da bloccandoci nel nostro cammino di vita e credo che ciò  stia aiutando molto noi tutti e dei nostri familiari, poiché si vive quasi sempre una vita di funzioniruolo, lontana dalle emozioni, senza amore e con tanto disagio.
Il gruppo è terminato alle ore 22:00, ma abbiamo proseguito poi con una ricca cena preparata dalla padrona di casa.

Salute tanta, 
Mimmo

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

FACEBOOK

5x1000-Fondazione Nuova Specie