Jesi (AN), lunedì 5 novembre 2012. LETTERA DI DANIELA M. ALL’ON. NICHI VENDOLA.

onlussalute@libero.it
www.nuovaspecie.com



iscritta
ai sensi della L. 266/91 – L.R. 48/95 nel Registro regionale delle
organizzazioni di volontariato con Decreto dirigenziale n.20 TSG05 del
28/02/2007. Cod. fisc.: 90032770415. Presidenza tel.: 328-6147257



LETTERA DI DANIELA M.,
DELL’ASSOCIAZIONE ALLA SALUTE
ONLUS MARCHE,
ALL’ON. NICHI VENDOLA.




Egregio Presidente,
sono Daniela M., una delle tante persone che fanno parte dell’ Associazione  alla Salute ONLUS Marche.
 
Mi sento fortemente dispiaciuta di quanto sta succedendo al Centro di Medicina Sociale di Foggia e vorrei che si facesse una cosa molto semplice ai miei occhi e cioè che il Centro non chiuda, come invece sembra che stia per accadere.
Il Centro di Medicina Sociale di Foggia è stato per me e la mia famiglia molto importante, perché ci ha permesso di vedere nuove prospettive rispetto alla situazione che stavamo vivendo con uno dei miei due  figli in seguito al disagio molto forte che ci ha portati nella rete psichiatrica.

Siamo arrivati a Foggia carichi di speranze e riconosco che non è stato semplice affrontare tante situazioni che ci hanno toccato molto in profondità. Si impara sulla propria pelle a crescere rispetto alle proprie paure, ma è stato fondamentale sperimentare per primi come genitori quello che nessuno prima ci aveva mai detto prima. Quando ti trovi in un percorso di psichiatria tradizionale è tuo figlio che sta “male”   ed è lui che va  “curato”  e tu come genitore assisti al suo contenimento farmacologico, che molto spesso non fa cambiare la relazione che hai con lui, anzi lo vedi sempre più rallentare e non tornare a vivere come ci si aspetta che possa succedere.
Il desiderio che la vita di un figlio possa riprendere è ancora molto forte e non ci siamo fermati anche dopo i fallimenti che ci sono stati. Siamo più volte andati avanti, ci siamo fermati, siamo tornati indietro, ma grazie alle competenze personali che abbiamo acquisito a Foggia il percorso con la nostra situazione familiare  non si è fermato alle tante difficoltà e la speranza di superare gli altri ostacoli che ancora ci sono non viene meno.


La psichiatria tradizionale, io, l’avevo già vissuta in famiglia con un mio fratello nella nostra adolescenza e devo dire che già allora il mio desiderio di poter incontrare un’alternativa alle  medicine per me era come un sogno possibile, adesso che ho visto che i sogni si possono realizzare non mi capacito come una regione come la Puglia, che possiede una grande eccellenza come quella che esiste a Foggia, non venga valorizzata e supportata, anzi non gli viene dato valore.
 

Basta poco: dare un medico al Centro e fare in modo che la struttura resti aperta per tutte quelle persone che come me ancora vogliono servirsene e acquisire competenze per vivere il proprio disagio, per crescere e far crescere i propri figli…
 
Vi prego: non fate morire le speranze di una donna/madre che crede ancora nella vita.
Cordiali saluti,

Daniela M. 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

FACEBOOK

5x1000-Fondazione Nuova Specie