Avellino, sabato 3 novembre 2012. LETTERA DI PADRE ANTONIO GUARINO ALL’ON. NICHI VENDOLA.

p { margin-bottom: 0.21cm; }

 
P. Antonio Guarino 
Missionario Comboniano 
Via Mercato, 55
83040 Fontanarosa
(Avellino) – Italia
Indirizzo Mail:
guarinoantonio59@gmail.com
EMERGENZA CMS DI FOGGIA.
LETTERA DI PADRE
ANTONIO GUARINO,
MISSIONARIO COMBONIANO,
ALL’ON. NICHI VENDOLA




Caro Presidente Vendola e
cari Assessori Regionali della Puglia,
Sono Padre Antonio
Guarino
, Missionario Comboniano, attualmente in Italia per un po’ di
vacanze. Ho appresso con mio grande dispiacere della possibile
chiusura del Centro di Medicina Sociale di Foggia
.
Ho una personale
conoscenza
ormai da anni del Dr. Mariano Loiacono. Ho avuto modo,
particolarmente negli anni ’90, la possibilità e la fortuna di
collaborare con lui per un buon periodo di tempo. Ho potuto
constatare di persona quanto il suo Metodo alla Salute sia di grande
aiuto a tante persone
(che purtroppo vanno sempre piu aumentando) che
sperimentano sulla propria pelle un disagio sociale molto svariegato
nelle sue manifestazioni fisiche e psichiche. Grazie a Dio il suo Metodo si è mostrato, direi con una certa sicurezza interiore,
l’unico in grado di poter autare effettivamente le persone. E’ sì
un metodo che apparentemente sembra essere non secondo la norma, ma
praticamente è capace di ridare senso e speranze concrete e
soprattutto un nuovo modo di riprendere, con più fiducia in se
stessi
, il cammino personale di vita.
In questi giorni da quanto ho
appreso la notizia mi chiedo continuamente il perché. E’ questione
di denaro, possibilità finanziarie, o magari interessi politici o
cose del genere? Non riesco a darmi una risposta. Perché si deve far
abortire qualcosa che porta in sé
, ed è continuamente dimostrato
sul campo, nuova vita, una rigenerazione a tutti i livelli? Che
forse coloro preposti alla salute del cittadino abbiano smesso di
credere nella vita? Che forse abbavagliati e accecati da miraggi,
abbiamo cambiato la rotta? Cosa ci sta sotto? Che forse un minimo di
coscienza umana e sociale
sia venuta meno per interessi piccoli e
locali
che purtroppono non tendono a dare man forte alla Vita? Sono
tante le domande che mi porto dentro.
Una cosa so, è che il Metodo
del Dr. Loiacono è una risposta concreta che volente o nolente
non la si può accantonare solo per dei motivi forse oserei dire anti
umanitari e antisociali.
Certo che è un momento
alto di responsabilità
. Penso che è tempo di dare ascolto a quella
coscienza umana
che non può essere denigrata o spodestata solo
perché altri interessi, di poco conto rispetto al valore della vita,
vengono immessi in quel circolo di “morte” che purtroppo già
tanta gente di ogni ceto sociale sta sperimentando. 
Il mio vivo desiderio è
che, visto che ci rimane ancora del tempo, è bene che si rifletta su
questo evento
con la responsabilità che ci è stata affidata dagli
stessi cittadini nel momento in cui siete stati chiamati a
rappresentarci. La possibile o intenzionata chiusura del Centro di
Medicina sociale di Foggia è praticamente un suicidio. A portare il
peso e la sofferenza
di una scelta del genere sarebbero non chi
decide ma chi fino ad oggi ha usufruito e beneficato dell’opera
del centro e ne ha trovato giovamento per la propria vita.
In breve sia come
cittadino e poi come sacerdote
missionario (visto che in missione ho
imparato tantissimo ad apprezzare il senso e valore della vita oltre
al fatto che mi viene profondamente dalla mia fede) chiedo che
l’assurda idea
(perché per me è tale) di chiudere il Centro di
Medicina Sociale di Foggia, possa rimanere lì dove è nata. Possa
essere un brutto momento (incubo) di ricordo del passato e basta.
Soprattutto mi auguro e prego che la Vita, e quanto connesso con
essa, possa risplendere nella sua bellezza e integrità. Forse è
proprio il caso di dire, come spesso diciamo in Chiesa: L’uomo
non distrugga quello che Dio ha creato e voluto
Grazie per avermi letto.
Sono aperto a un dialogo sereno e vero. Ho scritto quanto ho scritto
sia per la grande stima che ho del Dr. Mariano Loiacono, sia per
i vari volti che ho incontrato e che sono stati aiutati praticamente
attraverso il lavoro enorme e senza risparmio di energie del Dr.
Mariano
; ma soprattutto ho scritto perché in coscienza non mi sento
di starmene a guardare quando si attenta alla Vita che rimane sempre
un dono di Dio
.
Vostro P. Antonio
Guarino
Missionario Comboniano

1 Commento/i

  1. Vincenzo

    Finalmente anche un prete che si muove. Veramente mi aspettavo che si facesse vivo Eliseo che per tanti anni ha frequentato. Penso che questo padre Antonio ha parlato col cuore e questo gli fa onore.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FACEBOOK

5x1000-Fondazione Nuova Specie