Moie (AN), domenica 17 giugno 2012. UNA GIORNATA DEDICATA ALL’INSIEME FEMMINILE-MASCHILE.

Fondazione Nuova Specie ONLUS 

Presidente: Dr. Mariano Loiacono
 

onlussalute@libero.it
www.nuovaspecie.com

iscritta
ai sensi della L. 266/91 – L.R. 48/95 nel Registro regionale delle
organizzazioni di volontariato con Decreto dirigenziale n.20 TSG05 del
28/02/2007 – Cod. fisc.: 90032770415
Presidenza: tel.: 328-6147257

UNA GIORNATA
NELLA CAMPAGNA JESINA
DEDICATA ALL’INSIEME
FEMMINILE-MASCHILE
E AL TEMA DEL TRADIMENTO
Domenica 17 giugno incontro sul tema del tradimento a casa di Daniela M. a Moie.

In questa bella domenica di sole alle ore 10 ci siamo trovati nella mia casa per un incontro che è nato dalla forte spinta di Sandra R., la nostra presidente dell’Associazione alla Salute ONLUS Marche.


La sera prima sono arrivate da Foggia Giovanna V., Angela Q., Pina P., Grazia P. e Lara P. che hanno accolto l’invito di Sandra per un confronto sul lavoro che questo gruppo ha iniziato dopo il convegno del 21 marzo sull’insieme femminile-maschile che il Dr. Mariano Loiacono ha tenuto a Troia.



La serata è stata essenziale, ma di scambio e anche rilassante, una buona preparazione all’impegno del giorno dopo.
 
La mattina si aggiungono dalle vicinanze altri componenti dell’Associazione alla Salute ONLUS Marche, alcuni dei quali avevano già aderito ad un precedente incontro del 18 maggio a Senigallia. Siamo più di 20 persone, grandi e piccini. Iniziamo con le comunicazioni e Sandra mette al primo posto lo stato quiete dei bambini per farli sentire a casa.
 
Poi Giovanna V. introduce il progetto della “Finestra di Babich.  Questo progetto è nato nel 2009 su idea della stessa Giovanna con la collaborazione di Angela Q. e altre donne tra cui Vivette e si collega alla storia di una donna, Babich G., che per anni ha seguito il Metodo alla Salute a Foggia, mantenendo un forte legame con il Centro di Medicina Sociale, ma che purtroppo non è stata compresa nella sua specificità quando è tornata nella sua città.

Oggi si cerca di andare oltre questa storia e verrà fatta una sperimentazione che coinvolgerà Giovanna V. e un gruppo di donne per esprimere un femminile che neanche le nostre madri sono riuscite a trasmetterci.
 
Abbiamo visto i vari disegni fatti nel 2009 per il logo della “Finestra di Babich”, donati e proposti dall’artista troiana Rossella De Palma.
 
Tutti abbiamo dato il nostro parere favorevole sulla scelta già fatta di uno dei disegni e concludiamo con una foto fatta a tre donne importanti per il progetto.

Angela, Vivette e Giovanna con il bellissimo logo del progetto “La Finestra di Babich”.

Si inizia a parlare dell’incontro di oggi. Pina P. ci spiega come sta procedendo il gruppo di Foggia e ci da degli ottimi suggerimenti per iniziare il nostro gruppo di lavoro

Gli elementi importanti sono: 

  • costituire un gruppo solido che dia continuità; 
  • poi la sacralità delle immersioni è una cosa fondamentale;  
  • la memoria scritta e la capacità di sintesi non devono mancare;
  • uscire dai pregiudizi territoriali per “sentirci un tutt’uno”;
  • Pina ha sottolineato inoltre l’importanza dell’accompagnamento dell’autore dell’ immersione.





Michela G. ci fa notare che nel suo caso, quando Mariano ha fatto teoria sulla sua immersione che ci ha permesso di avere strumenti importanti di lavoro dandoci anche una griglia su cui lavorare, è stato più un rito di passaggio.
 
L’autore dell’immersione che oggi abbiamo preso in esame è Federico P., un ragazzo molto attivo dell’AlSa Marche. La scelta della sua immersione è molto importante perché anche se sono pervenute molte immersioni di donne, anche gli uomini sono stati presenti. Federico è da tempo che si impegna nella nostra Associazione e sta sempre più lavorando su se stesso.
 
Prima del pranzo Federico, Benedetta, Nicoletta e Cindy leggono l’immersione di Federico.
 
La pausa pranzo è stata un momento di condivisione in cui tutti hanno portato qualcosa!


Riprendiamo la seconda parte della giornata con pensieri musicali che ci consentono di mettere in dinamica i due codici: l’analogico e il biorganico.

 

Il gruppo di Foggia continua a suggerirci alcune cose: 

  • dividere l’immersione in tre parti – prima , durante e dopo;
  • formare tre gruppi e con la griglia proposta da Mariano iniziare a vedere i primi punti.

 

  1. Il primo punto è collocare il tradimento nel periodo storico in cui avviene: infanzia, adolescenza o adultità.
  2. Secondo punto è individuare chi è il traditore e l’angolo alfa strutturato o strutturantesi da cui proviene, per poi applicarlo
    nelle varie unità didattiche: la piramide, il quadrangolare, l’homelife,
    il graal delle profondità, ecc.

Senza entrare in merito all’immersione di Federico, che come abbiamo detto è sacra, abbiamo provato ad applicare la griglia al suo scritto e ci sono stati tanti contributi.
 
Come primo incontro molto allargato possiamo dire che è stata una giornata molto proficua, stimolante e coinvolgente, ci auguriamo che il lavoro iniziato continui e dia buoni frutti.
 

Un grazie particolare a Mariano.
 

Francesca M.
e
Daniela M.

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

FACEBOOK

5x1000-Fondazione Nuova Specie