Sarnico (BG), mercoledì 06 giovedì – 07 aprile 2011 – 08 aprile 2011. LA TREGIORNI SARNICENSE DEL DR. LOIACONO.

FONDAZIONE NUOVA SPECIE ONLUS

Presidente Dr. Mariano Loiacono



IL DR. MARIANO LOIACONO

TIENE TRE CONVEGNI SERALI
A SARNICO (BG)

Mercoledì 06 –
giovedì 07 –

venerdì 08 aprile 2011

Mercoledì 6 aprile 2011 a Sarnico in provincia di Bergamo, il dottor Mariano Loiacono ha tenuto il primo dei tre convegni serali proposti dal Centro Famiglia di Sarnico e dal Gruppo Accoglienza Tossicodipendenti (G. A. T.), dal titolo “Il potenziale creativo del disagio”.


Il convegno è iniziato con l’entrata spettacolare del Dottore che a sorpresa ha accolto Padre Giuliano Volpi all’ingresso del teatro consegnandogli un dono e, accompagnandolo sul palco, lo ha definito “maestro buono” inteso etimologicamente come “colui che rende felice” per la dedizione con cui continua ad offrire il suo sostegno di uomo, prete e psicologo, alle persone bisognose. Le sorprese continuano con l’esibizione di Marta che gli ha dedicato la canzone “Grazie alla vita” emozionando con la sua voce l’intera platea.

E per entrare nel vivo del tema il Dottore l’ha coinvolta nel raccontare la sua storia di ventenne fatta di dolore, emarginazione, psicofarmaci, vari TSO e l’esperienza del Metodo alla Salute che le ha permesso di trasformare il suo disagio in vita creativa, una testimonianza significativa per esplicare il titolo della serata. Dice Loiacono: “Più che tante parole servono le storie. La storia è maestra di vita”.

Il Dr. Loiacono attraverso l’analisi di unità didattiche, il commento globale di brani tratti dal Vangelo, dal libro di Ezechiele e dal Preconio Pasquale, ha spiegato il tema della serata invitando i partecipanti a diventare “spiriti creatori”: avere la capacità di creare dalle tenebre del disagio prendendo esempio dalla vita stessa che lo fa da sempre attraverso il crossingover.

E’ emerso quindi che il disagio di oggi non è un problema medico-psichiatrico, è bensì frutto del mutamento antropologico, di conseguenza scolla le situazioni che non trasmettono più vita, le mette in crisi, interrogando l’intera comunità che, non trovando risposte adeguate, le medicalizza. A riguardo proietta l’ideogramma cinese della parola Crisi che contiene in sé due significati opposti: minaccia e opportunità.


La sala del teatro era piena di persone, assorte ad ascoltare le teorie innovative esposte dal dottore e affascinate dalla rilettura dei testi sacri.

La serata si è conclusa con il ringraziamento di Padre Giuliano Volpi al Dr. Loiacono che ha riconosciuto pubblicamente la validità di questo nuovo punto di vista più vicino alla vita.

Il secondo convegno di giovedì 7 ha trattato il tema “Violenza in famiglia”, specificando che il concetto di violenza deve essere esteso nei molteplici aspetti e non banalizzato nei luoghi comuni o nei pregiudizi; la violenza si annida anche nelle pieghe di una vita cosiddetta normale, nella mancanza di ascolto del bisogno dell’altro, nell’affermazione di ruoli che ingabbiano e che non aiutano a crescere.


Anche questo secondo incontro ha richiamato persone e associazioni del territorio bergamasco, tra cui i rappresentanti di “Piccoli Passi Per…” la cui presidente, Camilla Morelli, ha testimoniato con entusiasmo l’esperienza degli incontri tenuti i giorni prima a Torre Boldone.

Presenti e attive sono state le dinamiche col pubblico che hanno coinvolto giovani e famiglie.

Il Dr. Loiacono ha successivamente esposto il significato etimologico delle parole che compongono il titolo: famiglia e violenza. La teoria particolareggiata e magistralmente espressa nei dettagli e nei contenuti è stata così illuminante da farci sentire il bisogno di deregistrarla per poterla diffondere con gli atti.

Queste serate sono state un’ottima occasione per presentare il progetto del Villaggio Quadrimensionale della FONDAZIONE NUOVA SPECIE: abbiamo allestito uno stand per la vendita di pubblicazioni, gadgets e una raccolta fondi.

La terza serata di venerdì 8 ha avuto luogo nella sede parrocchiale del Centro Famiglia dove si svolgono gli incontri del G. A. T. (Gruppo Accoglienza Tossicodipendenti).

L’evento è nato dalla necessità dei volontari del GAT, coordinati da Padre Volpi, di fare una supervisione del gruppo condotta dal Dr. Loiacono che ha risposto ai loro interventi e dubbi circa la possibilità di trovare un nuovo approccio, una metodologia con la possibilità di intreccio con il Metodo alla salute. Si sono gettate le basi per una futura sperimentazione del Metodo alla Salute sul loro territorio, una sperimentazione di teoria-prassi per far si che il gruppo faccia un passetto ulteriore e cresca nelle interazioni con le persone in trattamento: significativa è stata la dinamica tra il Dottore e un giovane che con la sua famiglia aveva richiesto un incontro.

Questa serata ha segnato la fine del tour lombardo; l’indomani si partiva in Veneto…

La Redazione Itinerante –
Marialetizia, Giovanna, Lara e Luca

3 Commenti

  1. Unknown

    … Ma un "grande grazie" lo dobbiamo-vogliamo dire tutti a te, perché hai davvero una bella specificità, cara Marta! Sei solare e trasmetti molto alle persone che ti stanno vicino. Ci sai fare con chi è in difficoltà; dai sicurezza. Non mi sorprende che Ruggero ti voglia così bene.

    Un bacio e un abbraccio!
    A presto,

    Cindy

  2. Marta

    Grazie, tanti grazie a molti…

  3. Linda

    Ogni volta che sento la storia di Marta, mi commuovo tanto…
    Vedere una ragazza giovane come lei riprendersi la sua specificità e ringraziare la vita, cantando, mi emoziona molto.
    Tali storie di vita sono anche storie di "salvezza".

    Un AVANTI TUTTA alla NUOVA SPECIE!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

FACEBOOK

5x1000-Fondazione Nuova Specie