Pescara, lunedì 11 aprile 2011. SUPERVISIONE DELL’ASSOCIAZIONE ALLA SALUTE ABRUZZO.

FONDAZIONE NUOVA SPECIE ONLUS

Presidente Dr. Mariano Loiacono



IL DR. MARIANO LOIACONO

A PESCARA
NELLA DOMUS
ROSICA-FANESI
Lunedì 11 aprile 2011

L’ultima tappa del Tour Alla Salute è stata Pescara nella Domus Rosica-Fanesi, dove si è svolta la supervisione dell’Associazione alla Salute Abruzzo e il punto della situazione riguardo il mio percorso, cioè Luca .

Siamo arrivati da Jesi intorno alle 13,30 e dopo aver pranzato abbiamo cominciato l’incontro, partendo dal raccontare più dettagliatamente le varie fasi del viaggio ai nostri famigliari e come le avevamo vissute.


Per fare ciò, spintaneamente indirizzato da Mariano, ho aperto le danze col mio bilancio ed è stato positivo per me poiché tutti mi ascoltavano attentamente e io sono andato abbastanza a ruota libera nonostante all’inizio fossi emozionato in quanto non mi trovavo a parlare di fronte alla mia, o meglio, alle mie famiglie da diverso tempo, diciamo che per chi assistette all’evento, l’ultimo “incontro” lo avemmo a Natale .


L’esito è stato molto differente questa volta, in meglio intendo, un po’ perché alcune questioni sono state risolte, un po’ per il reale percorso che sto facendo ora che ha effetti positivi anche all’esterno.


Questa parte che mi ha visto come protagonista si è conclusa con lo scambio di impressioni da parte di tutti su di me e di come mi vedevano a distanza di tempo, e con la mediazione di Mariano sulle prospettive riguardo il proseguo del mio cammino, solo che a differenza delle altre volte, sono stato io a fare delle richieste e a manifestare i miei bisogni, e gli altri vedendomi fermo sulle scelte, hanno acconsentito pacificamente donandomi anche una certa tranquillità .


La fase successiva doveva trattare la supervisione dell’A.S.A. ma come sempre è entrata più all’interno della vita dei soci, visto che l’associazione è fatta di persone non poteva non andare sul personale! Questa volta però al centro della scena c’è stata Marialetizia e infatti mi piacerebbe che fosse lei a raccontare come se l’è vissuta, anzi… vieni a scrivere tu vieni vieni…

Vabbè si è addormentata, racconterò come l’ho vissuta io.

Non voglio fare una cronaca perché non credo sia corretto nei confronti di chi ha partecipato alla riunione, perciò mi limiterò, se questo poi è davvero un limite, a esprimere il mio vissuto emotivo.

Io penso che molti soci abbiano scaricato le proprie responsabilità su Marialetizia; in contraddizione a quello che in precedenti sedi l’avevano accusata di essere, per usare un termine forte… un po’ despota, ma non credo che lei volesse prevaricare, ma semplicemente, essendo la persona con un percorso più lungo alle spalle, si preoccupava di sopperire diversi compiti, ora che lei per un po’ non ci sarà la distribuzione di questi compiti su gli altri componenti è sembrata troppo gravosa e questi si sono, come dire, ribellati.

Sono inoltre emersi dei nodi ancora presenti e forti nella sua famiglia che ci hanno spinto a fare delle scelte di vita quotidiana diverse.

L’Associazione ha ancora bisogno di crescere molto perché noi tutti abbiamo anc
ora bisogno di crescere molto, quindi su indicazione di Mariano ci siamo posti degli obiettivi più piccoli, o per meglio dire, più adatti alla specificità di un’associazione i cui componenti sono nostri familiari, diciamo dei passetti più brevi per andare avanti in attesa che l’A.S.A., e tutti noi, saremo pronti a fare un saltoquantico per passi più grandi.

Luca Rosica


2 Commenti

  1. Anonimo

    le chiamano benzodiazepine ma in realta sono farmaci ansiolitici .I giornali scrivono era sotto effetto di sostanze stupefacenti ed avuto un incidente benzodiazepine.I nomi li conosciamo quasi tutti,circa dieci milioni di italiani ne fanno uso per lo stato ansioso e attacchi di panico.Non tutti sanno
    che le benzodiazepine principio attivo di molti farmaci in commercio per lo stato ansioso usate da 10 milioni di italiani,
    con le nuove disposizioni del codice della strada violano l'art. 187 cds e quindi e reato mettersi alla guida sotto il loro effetto
    Le più comuni BDZ ad azione prevalentemente ansiolitica sono:

    Emivita breve-intermedia :

    Lorazepam (Tavor, Control, Lorans, Lorazepam Dorom)

    Oxazepam (Serpax, Limbial)

    Emivita intermedia

    Alprazolam (Xanax, Frontal, Valeans, Mialin)

    Bromazepam (Lexotan, Compendium)

    Clotiazepam (Tienor, Rizen)

    Etizolam (Depas, Pasaden)

    Emivita lunga:

    Diazepam (Valium, Ansiolin, Tranquirit)

    Clordemetildiazepam (En)

    Clordiazepossido (Librium)

    Ketazolam (Anseren)

    Prazepam (Prazene, Trepidan)

    Le più comuni BDZ ad azione prevalentemente ipnoinducente sono:

    Triazolam (Halcion, Songar) emivita breve

    Brotizolam (Lendormin) breve

    Estazolam (Esilgan) emivita intermedia

    Lormetazepam (Minias) intermedia

    Flunitrazepam (Darkene, Valsera, Roipnol) emivita lunga

    Flurazepam (Dalmadorm, Felison, Valdorm) lunga

    Nitrazepam (Mogadon) lunga

    Quazepam (Quazium) lunga
    Rivoltril (Clonazepam)

    Pena: ritiro patente,confisca del veicolo,arresto da 3 mesi a sei mesi,multa da 800 a 3000 euro.Malgrado incidente le varie compagnie

    di assicurazione non pagano i danni arrecati.

  2. Silvio Boldrini

    Caro Luca,
    mi ha fatto piacere leggere dei tuoi cambiamenti con la tua famiglia, con la quale sei riuscito a fare emergere il tuo maschile senza trattenerlo. Anche io in questo periodo sto fregandomene di più e rispettando di più i miei bisogni e i miei tempi, almeno ci sto provando.
    Faccio un incoraggiamento a tutti e due con l'auguri paquale di riuscire a passare ad un'insieme femminile-maschile sempre più armonico. Silvio

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FACEBOOK

5x1000-Fondazione Nuova Specie