Breve presentazione del Metodo Alla Salute e convegno sulla P.N.E.I. ad Ancona

Su gentile richiesta del nostro webmaster del sito WWW.NUOVASPECIE.COM, il caro Cristian, pubblichiamo un post per il suo corso di formazione sui blog come occasione per introdurre brevemente che cos’è il Metodo Alla Salute (come potete anche leggere sul messaggio di benvenuto sulla destra della homepage). Intanto volevamo ricordare che:


  • la prossima SETTIMANA INTENSIVA si terrà dal 10 al 14 DICEMBRE 2007 come di consueto al “Centro di Medicina Sociale per alcoldipendenza, farmacodipendenza e disagio diffuso” dell’Azienda ospedaliero-universitaria “Ospedali Riuniti” di FOGGIA.

Dato che me lo trovo tra le mani, riporterò quello che ho scritto nel bigliettino che accompagna la bomboniera per la mia laurea, avvenuta il 21 novembre scorso:

Che cos’è il Metodo Alla Salute?


Il Centro di Medicina Socialedegli Ospedali Riuniti di Foggia da circa 30 anni sta sperimentando un nuovo approccio alle varie forme di “disagio diffuso” (conflittualità sociale e istituzionale, dipendenze da alcol, droghe e psicofarmaci, dismaturità, anoressia-bulimia, ansia-attacchi di panico, depressione, schizofrenia, sindromi maniaco-depressive, border-line, ossessivo-compulsive, disagio asintomatico, disabilità, etc.) che non prevede l’uso di psicofarmaci ma si avvale del Metodo Alla Salute. Ideato dal Dr Mariano Loiacono in seguito ad una ricerca 41ennale partita nel 1966, esso parte dal presupposto che il termine salute deriva dal sanscrito “sarvas” e significa intero, non frantumato”, ad indicare che ogni fenomeno vivo (individuale, relazionale, sociale, istituzionale, ecc.) è un “globale”, un intreccio di nodi multidimensionali e complessi, specifici per quella determinata situazione viva. Si tratta di un trattamento che supera il setting tradizionale e si propone di creare una dinamica rigenerativa-complessa tra tutte le “persone in trattamento” (compreso il terapeuta), superando la settorializzazione e la divisione delle varie tipologie di disagio. Il Metodo, attraverso la creazione di dinamiche complesse e circolari messe in atto nei Gruppi alla salute, intende dare valore a ogni individuo e stimolarlo a sviluppare capacità adatte a vivere in una società complessa e globalizzata, definendo e sperimentando un approccio alle forme del disagio che sia contemporaneamente teorico e prassico, e che dia l’opportunità a quanti ne prendono parte di sviluppare competenze all’ascolto, allo scambio di specificità, all’immersione nelle proprie tracce di vita e al racconto, alla teorizzazione finale in un’ottica di “fondo comune”, alla elaborazione scritta del vissuto e comunicazione nella apposita rivista trimestraleLIMAX. Parte del “trattamento” sono pure gli incontri di supervisione su situazioni personali, di coppia o familiari che manifestano maggiori resistenze e difficoltà al cambiamento, in cui sono coinvolte tutte le persone in trattamento. Sono inoltre previste varie unità didattiche tra cui l’“Avanti tutta” e dell’“Indietro Tutta”, due viaggi nelle tappe della frantumazione ed in quello del ritorno alla salute. Per tutte queste caratteristiche, il Metodo Alla Salute si differenzia nettamente dalla psichiatria e dalle psicoterapie tradizionali.

La mia bomboniera è una lumaca, ed ho spiegato anche il perchè:

Perché la lumaca?

Perché rappresenta le persone comuni che nessuno ordinariamente nota se non in particolari condizioni. Inoltre è il simbolo del “Metodo Alla Salute”. Il Metodo Alla Salute infatti è rivolto alle persone ordinarie che, anche se con difficoltà, possono tornare ad esprimere la propria specificità. La lumaca inoltre è un animale sobrio ed essenziale, tutto quello che gli serve lo porta sempre con sé (ciò è rappresentativo del fatto che ognuno ha in sé tutte le potenzialità e le risorse per stare in salute). Ed è un animale ermafrodita, cioè ha in sé sia il maschile che il femminile. Per fare un percorso di rigenerazione infatti bisogna essere essenziali. La lumaca è un animale che procede lentamente, attraversando ogni parte del terreno (humus, da cui umiltà). Per rigenerare la propria salute infatti bisogna imitare i processi della vita che sono lenti. I tempi inoltre sono specifici perché ognuno deve partire da come è fatto e attraversare tutte le fasi che ci vogliono. La lumaca, infine, è un animale che lascia tracce del tragitto percorso. Il Metodo Alla Salute ritiene di fondamentale importanza conservare la memoria storica di ciò che è stato. Ciò è utile sia alle persone in trattamento per potersi riosservare ad una certa distanza e per riascoltare le teorie prodotte, ma anche per far sì che sugli eventi vissuti si possa fare ricerca “globale” così che possano essere conservati e trasmessi in un’ottica di “fondo comune”. La nostra rivista trimestrale autofinanziata “LIMAX” prende il nome proprio dalla comune lumaca, la “limax agrestis”. Visita il nostro sito: www.nuovaspecie.com e il nostro blog: www.metodoallasalute.blogspot.com .

—–

Ultimamamente il Dr. Mariano Loiacono ha partecipato (Ancona, 27-11-2007) ad un convegno sulla P.N.E.I. (Psico-Neuro-Endocrino-Immunologia), un approccio olistico nato nel 1986 all’interno della medicina ufficiale che ha riconosciuto, attraverso una serie di ricerche, che tutti gli organi e tutti i sistemi che compongono il nostro organismo sono interconnessi, così come lo sono tutte le loro reazioni, in termini sia di patologia che di guarigione, sia di patogenesi che di salutogenesi. All’inizio di tutta la concatenazione, però, c’è la componente “Psiche”, cioè l’anima, lo stato emotivo, la storia di vita della persona, i suoi vissuti, i suoi traumi, le sue competenze emotivo-relazionali o i suoi blocchi, le sue negatività e le sue positività, la sua visione della vita. Il principale organo attivo in questo campo è la S.I.PNEI (Società Italiana di Psico-neuro-endocrino-immunologia). Per saperne di più, scarica qui la locandina col programma del convegno.

La P.N.E.I. è un approccio che ha molte affinità con la ricerca avviata dal Dr. Loiacono 41 anni fa (1966), la quale ha dato origine sia al “Metodo Alla Salute”, sia alle ricerche di teoria e formazione della “Epistemologia Globale” (un nuovo punto di vista e di teoria-prassi sulla vita) e del “Quadrimensionalismo” (un nuovo codice di intepretazione della realtà): tutte realtà attive nel servizio pubblico ospedaliero-univesitario di Foggia da 30 anni, e da più di 2 anni anche al CENTRO DIURNO “SOLEDALIA” del Dipartimento di Salute Mentale – ASUR7 di ANCONA, così come da circa una decina d’anni è attivo un “Gruppo Alla Salute” che si tiene regolarmente a URBANIA (Pesaro-Urbino). In molte regioni italiane sono attivi operatori, insegnanti, psicologi, sociologi e medici che a vario titolo operano in iniziative connesse al “Metodo Alla Salute” secondo un’ottica di “comunità globale”. Sono attualmente attive tre associazioni: l’“Associazione Alla Salute” ONLUS di Foggia e di Ancona, e l’Associazione “Nuova Specie” di Troia (FG).

Nel periodo natalizio dal 22 al 26 dicembre p.v., come già ricordato su questo blog nei post precedenti, saremo in viaggio itinerante a LUCCA. Per saperne di più scriveteci agli indirizzi: metodoallasalute@hotmail.it (casella di posta del blog), disagiodiffuso@interfree.it (casella di posta del sito e del Centro di Medicina Sociale – OO.RR. di Foggia), cristiano.ceglie@nuovaspecie.com (casella di posta del webmaster).

10 Commenti

  1. Fabrizio d'Altilia

    La mamma è sempre la mamma… 🙂

  2. Anonimo

    Caro Fabri, questo commento evidentemente è destinato a una lunga gestazione. Infatti è la terza volta che tento di scriverlo.La prima volta non ho saputo registrarlo, la seconda è andata via la corrente mentre lo scrivevo, speriamo che questa sia la volta buona.Volevo dirti che la tua nuova fotografia sul blog è bellissima. Lo avrei detto anche se non fossi stata tua madre. Anche se è vero che “ogni scarafone è bello alla mamma sua”, è la verità. Ciò che mi ha colpito è la dolcezza che esprimono i tuoi occhi e il tuo sorriso, sono lo specchio di ciò che sei diventato, la crescita che hai fatto e che continui a fare, grazie soprattutto a te stesso, ma anche al percorso con il Metodo alla Salute,che come ben sai, è un metodo che funziona solo se ci credi, se ti immergi, se sei disposto a metterti in gioco ad essere aperto al cambiamento. Questo tu lo hai fatto e continui a farlo, con i cambiamenti e la progettualità, che sopratutto in quest’ultimo anno hai messo in atto. La tua foto, per la prima volta in giacca e cravatta, esprime anche un’eleganza innata senza affettazione, con cui hai dato il giusto valore al giorno della tua Laurea il 21 Novembre 2007.I cambiamenti, come ti dicevo, sono stati notevoli, nel giro di pochi giorni ti sei laureato e hai lasciato Roma, hai preso casa a Fano con Loretta per iniziare un percorso di convivenza, ti sei iscritto alla specialistica ad Urbino, stai seguendo un corso di counseling a Osimo, stai cercando anche un lavoro partime che, conciliandolo con lo studio, ti consentirà di avere una piccola indipendenza economica. Sei diventato anche una delle persone più significative del Metodo. Infatti sei uno degli ideatori e curatori del Blog, conduci, quando ti è possibile i gruppi alla salute, hai presentato ad enti con Loretta, Serena,Teresa un progetto ispirato al Metodo alla Salute, farai anche parte, come docente,insieme ad altri di un progetto presentato dall’Associazione alla Salute, per fare delle lezioni con le unità didattiche del Metodo. Per tutto questo ed altro ancora, voglio anche esprimere un grazie di cuore a Mariano, che dopo aver accompagnato me, ha consentito, attraverso il mio percorso, di far giungere il messaggio a te, nel momento favorevole, quando partendo da te stesso (solo così funziona), selezionando il TUO bisogno, hai VOLUTO iniziare il TUO percorso. Io non posso che augurarti tutto il bene del mondo e che tu possa realizzare, come ti ho già scritto in altre occasioni, tutto ciò che desideri. Un bacione e arrivederci a Lucca.

  3. serena

    Effettivamente…

  4. Fabrizio d'Altilia

    Grazie Libera,
    le tue parole sono sempre preziose.
    Anche a te tanti àuguri per la tua navigazione in mare aperto: come Colombo, prima o poi vedrai terra.

    Mo speriamo che col il nuovo anno il delfino comunicatore di Foggia e il cigno psicologa di Pedaso si sentano liberi di viaggiare insieme, giocare e glob-cepire un pezzo di oceano alla volta, senza provare invidia o solitudine, io per la sua capacità di volare e lei per la mia capacità di andare in profondità nel mare e saltare sulla superficie: perché sappiamo sempre che possiamo incontrarci a pelo d’acqua.

    Madonna che poeta che sono oggi!!!

    😀

    Come minimo un applauso!

  5. Anonimo

    Sono Libera,la “disadattata”, voglio fare pubblici àuguri, buoni auspici, al delfino Faber per la sua laurea anche se li ho già fatti di persona. Ricorda che gli àuguri sono il pezzo di cielo in cui si osservava il volo degli uccelli e tu sei un delfino, buoni àuguri acquatici.

  6. Fabrizio d'Altilia

    Grazie, grazie!!
    Grazie assai!

    🙂

  7. serena

    Prova commento 4: e quant’è figo l’admin in tenuta da laurea!
    OOOPS… chiedo scusa, che Cristian deve tenere un corso serio 😉

  8. luna margherita

    Prova commento 3: quant’è bravo il relatore!

  9. Anonimo

    Prova commento 2: in questa pagina sono visualizzati tutti i commenti relativi a questo post

  10. Anonimo

    Prova commento: oggi è 4 Dicembre 2007!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FACEBOOK

5x1000-Fondazione Nuova Specie