Prima settimana del Corso di Quadrimensionalismo

E così si è riproposto un evento che non accadeva dal 1995: il dottor Mariano Loiacono ha finalmente dato il via al Corso di Quadrimensionalismo, riunendo più di quaranta persone interessate in questa prima settimana svoltasi dal 7 all’11 maggio. Molti di voi sanno già che il codice Quadrimensionale è un’alternativa al codice verbale-simbolico, che vuole superare la parzialità del linguaggio convenzionale utilizzato dalla specie uomo, per produrre una conoscenza più globale, più profonda e vicina alla complessità della vita, che si allontani dalle dicotomie con cui soprattutto la logica occidentale interpreta la realtà complessa dei fenomeni restringendola in una limitante visione bene-male, per cui ogni cosa o è da preservare o da eliminare: ma se il negativo esiste, dunque della vita fa parte, che senso ha erigere il nostro antropocentrismo a giudice insindacabile e sostenere che il negativo vada buttato nell’immondizia? Più di questo purtroppo non so dirvi, non è che in un post possa farvi un compendio sulle quattro dimensioni. Tengo però a darvi le mie personali impressioni di queste giornate per me molto importanti, anche per aprire un ambito di dibattito comune con gli altri partecipanti.

La parte introduttiva è stata davvero interessante, e a mio avviso chiarificatrice rispetto alle dinamiche previste nel metodo alla salute: si è parlato di storia e metastoria, e dei tre codici (“ponti” tra vita e conoscenza) bio-organico, analogico (i cosiddetti codici antenati, in quanto antichissimi) e simbolico. A proposito di questi, faccio presente che il Centro documentazione ha in archivio gli atti di tre incontri tenuti sull’argomento da Mariano nel 2004, chi fosse interessato può richiederli.

Quindi ci siamo affacciati a conoscere questa nuova proposta di codice, che Mariano è andato a cercare nelle primissime dinamiche di vita, che appartengono a ognuno di noi a prescindere da qualsiasi differenza, ovvero nell’insieme madre-neonato. Ieri ho viaggiato sino a Roma con @Faber@, e mi è piaciuto notare che già si inizia a parlare in termini di “I dimensione”, “livello k base” e così via. Per ora viene spontaneo e abbastanza semplice, ma so che la seconda parte del corso sarà più impegnativa. Del resto, ci vuole il tempo che ci vuole.

Durante la settimana ci sono stati un paio di eventi particolarmente significativi. Dapprima un’inattesa ricomparsa di Maria, che ha molto destabilizzato Mariano facendolo ancora sentire in difetto rispetto alla capacità di difendersi e di non concedere le sue energie in maniera scriteriata, ma che sicuramente gli è stata anche di stimolo ad impegnarsi sempre più nel suo cambiamento di stile di vita. Il giorno seguente, mercoledì 9 maggio, ha preso il via il movimento della “Comunità Globale del Terzo millennio”, un movimento che intende fare il possibile per realizzare realtà di nuova specie, globali, alternative alla rigidità che ci circonda, e che crede sia possibile un’alternativa all’economia finanziaria oggi imperante. Con questo si vuole fare un concreto passo avanti: sganciarsi dagli aspetti puramente psichiatrici dell’attività sinora svolta, e dal disagio come problema in sé, partendo dallo stimolo iniziale che il disagio diffuso ci ha dato come occasione di riflessione e rinascita, per arrivare a promuovere e attuare progetti di ampia portata perché realmente il metodo alla salute possa lasciare il CMS e migliorare qualsiasi aspetto della vita. Chi ha già fatto un suo percorso di crescita secondo il metodo della lumaca, ritiene di avere trovato nell’epistemologia globale una valida opportunità, è interessato al codice Quadrimensionale e desidera impegnarsi secondo la propria specificità e professionalità, può dare la propria adesione al nuovo movimento a Giovanna V., Eliseo C. o Roberto B.

A quanti di voi intendano iscriversi a uno dei prossimi corsi di Quadrimensionalismo, faccio presente che si tratta di un corso prettamente teorico, che non prevede dinamiche come invece quello di epistemologia globale, quindi richiede un impegno di tipo diverso; in questa settimana è risultato evidente come sia difficile seguirlo nel momento in cui si stiano affrontando importanti nodi personali, per cui a chi dovesse sentire di avere “aperte” situazioni forti viene suggerito di rinviare la propria partecipazione ad un periodo successivo.

Approfitto dell’occasione per ringraziare Mariano, che per me è un vero maestro, che in tre anni e passa di formazione e di vita ha saputo accompagnarmi a scoprire il mio personale punto di vista, senza essere mai in alcun modo impositivo. Grazie anche ai miei numerosissimi compagni di banco e di avventura, e ai loro splendidi bambini, compreso i due che ancora vivono la fusionalità dell’utero e che presto avremo il piacere di conoscere.

20 Commenti

  1. Anonimo

    il ritorno a casa nella “normalità” è stato molto difficile…tutto il passaggio-viaggio nel kairos chiamato corso di quadrimensionalismo è stato un bombardamento al neutrone:strutturalmente ed esternamente tutto appare intatto,ma internamente è tutto crollato un terremoto-maremoto d’intensità non misurabile si è consumato in quel viaggio….Un gigantesco buco nero ha risucchiato tutto con inenarrabile forza!!!Mi sento letteralmente prosciugato da questa esperienza.Faccio una enorme fatica a risintonizzarmi col cronos a cui non vorrei concedere più neanche uno iota….Ma come si fa???Sto passando i giorni a riflettere studiare applicare e più lo faccio e più mi rendo conto dello schifo che ci circonda e del NULLA che avanza a passi di gigante e il senso di oppressione cresce…Lo strumento terribile di cui il NULLA si serve,partorito dal codice simbolico-razionale,che è l’economia finanziaria sta fagocitando con un ritmo incessante e un appetito insaziabile tutto ciò che ancora sopravvive….un gigantesco Leviatano che avanza senza tregua alcuna….Faccio molta difficoltà ad accettare questo e l’atteggiamento che ne consegue è un senso di smarrimento che mi assale e la coscienza di assistere a questa tremenda Apocalisse mi crea un forte senso di inadeguatezza incertezza incoerenza.La forza di attrazione dell’entropia esercita un grande fascino sulla mia presenza esteriore,molte parti si sentono ed arrendono a questo livello di realtà.Cerco spesso rifugio in altre dimensioni dell’essere che pure sincronicamente sono accessibili e tendenzialmente rifuggo la quotidianità perchè il dolore è tanto e spesso non ce la faccio a farmi attraversare.Ogni tanto qualche slancio utopico mi permette di riaffiorare ma sono boe in un mare in tempesta::::Bisogna fare fronte contro il terribile NULLA che avanza..C’è necessità di creare una rete la più ampia vasta ed articolata possibile,un collegamento tra tutte le nicchie ancora resistenti e vitali che gia ci sono e di cui questa nostra realtà(metodo alla salute)è una piccola parte.Questo io profetizzo oggi.Credo che il metodo sia teoricamente giusto ,ma nella prassi ho personalmente avuto dei riscontri poco coerenti rispetto ad un’apertura verso una rete globale delle resistenze vitali in cui il quadrimensionalismo dovrebbe porsi come uguale nella diversità con gli altri punti di vista.Insomma vorrei partecipare attivamente ed impegnarmi perchè ciò si realizzi.IO PENSO CHE IL QUADRIMENSIONALISMO E’ UNO DEI GLOBALI MASSIMI CHE POTREBBE UNIRSI IN RETE CON GLI ALTRI CHE GIA CI SONO X COMINCIARE UN ABBOZZO DI GLOBALE TOTALE POSSIBILE!!!!Il quadrimensionalismo non è il globale totale!!!Quando ci si inoltra in un qualsiasi percorso di contrapposizione ad un fenomeno che si considera parziale x il superamento di questa parzialità,spesso capita che si finisce,nel criticare,a trascinarsi,nella costruzione “nuova”,frammenti del vecchio e lasciarli lievitare.Questo è un impedimento che si dovrebbe superare!!!!Approfondirò questa visione quando sarà necessario…UN abbraccio a tutti!!!!domimmo.

  2. Anonimo

    Sono la Principessa Gemma, ancora una volta così imbranata da non aver saputo (voluto o potuto)lasciare questo commento registrandomi con una identità nonostante le attente istruzioni della luna che adesso è calante…per questa vergogna nascondo la mia vera identità!
    Dopo che Mariano ha specificato le motivazioni del corso di Quadrimensionalismo le cose sono MOOOOLTO più chiare, ha detto: “PER UN PUGNO DI MOSCHE”.

  3. Anonimo

    Sono Libera, per gentile concessione del CD vi mando una deregistrazione in anteprima dalla seconda settimana del corso di Qua, tanto per capirci qualcosa…”No! devo programmare, adesso tra 5 settimane faccio una domanda.Tra sei mesi potrò sottoporre al vaglio del veglio di Costantinopoli la possibilità che possa presentare a sua volta la mia istanza diretta all’autorità di pertinanza perchè possano finalmente sindacare nel loro ultimo incontro che faranno fra sette mesi se veramente la mia posizione nella ricerca è reale o se appartiene a una cosa che allontana da queste cose qua in modo che potranno inviarmi all’istituzione preposta al prepuzio a queste perchè potranno veramente aiutarmi a discernere quello che io dovrò fare e nelle modalità, se eventualmente si ritiene un periodo di un anno in cui io debbo andare lì e stare nudo nella foresta e sentire il canto degli uccellini e andrò perchè sicuramente al ritorno avrò più chiaro che il percorso che ho fatto è un percorso vero e finalmente potrò dire :” si, oggi voglio cominciare a ipotizzare che cosa debbo fare “, “.PAROLA DI MARIANO! ora si che siamo nella merda!

  4. marisgnappa

    mancano tre giorni!!!!!
    occhio al quadri!!!!!
    siete pronti?
    e vai con un altro viaggio!

  5. marisgnappa

    ciao a tutti buon giorno. bè volevo lasciare un commento su guardo lontano…. veramente un bel pezzo. mi piace poi appena apri il blog! ragazzi siete troppo fighi!

  6. marisgnappa

    ciao a tutti, sono riuscita finalmente a lasciare il commento. sta mattina avevo scritto, ma mi si è cancellato cercando di pubblicarlo perchè sono rincoglionita e non ricordavo la psw.
    cmq stamattina dicevo che ho rigurdato solo oggi tutti gli appunti del corso, lo schema di Barbara mi è servito molto per ricordare meglio alcune cose, non riesco però a vedere la mappa mentale di zaba.
    Serena io ho letto il post gia da un pò, come sai sono stata io a chiedere di parlare un pò del corso domandandovi se già avevate fatto qualche applicazione. sicuramente non è cosa facile, gia io sono gasata perchè riesco a comprendere con molta facilità tutte la teoria che mariano ci ha spiegato durante la prima settimana di corso. vorrei provare a fare applicazione su numa, perchè nei giorni che sono stata a urbino ha fatto delle cose in cui subito sono riuscita a vedere prima, seconda, terza e quarta dimensione, anche se scriverlo con termini tecnici mi viene un pò più difficile. vedrò come posso fare!
    in questi giorni non mi ci sono dedicata tanto se riesco continuerò a scrivere qualcosa sul blog
    vi voglio bene care amiche coccinelle. un bacio a tutti

  7. marisgnappa

    ciao a tutti, mi va di scrivere ma ho avuto qualche problema con la password

  8. Daniela

    Ah Zaba: mica sono riuscita a vedere la tua mappa mentale! ma come si fa? Boh!

  9. Daniela

    Ciao a tutti!
    A tre giorni prima dell’inizio della seconda settimana di quadrimensionalismo voglio lasciare anch’io un mio piccolo commento.
    Innnanzi tutto che mi sta appassionado molto, soprattutto mi sono goduta la parte iniziale, quella sul giallo metastorico (che già solo a dire ste due parole ti senti ganza un bel pò!)perchè mi sono sentita di aver avuto l’onore di addentrarmi nella parte più sacra della vita e ne sono rimasta letteralmente attratta e affascinata… poi le quattro dimensioni…a parte la goduria a utilizzare quelle formulette con Luna facendola sentire una merdetta e io chissà chi (dai Luna per una volta tanto fammi gicare a saperne più di te!:))mi è piaciuto molto il cammino in salita che abbiamo fatto per astrarle dal filmato…le ho comprese bene, almeno a livello teorico…perchè poi di applicazioni non ne ho fatta nessuna…però perchè non mi sono voluta/potuta/saputa ancora applicare! In compenso ho studiato ste pugnette di psicologia per l’esame di giugno..eh pure questa sà ddà fà!!!
    Infine voglio ringraziare anch’io Mariano per questo accompagnamento che mi sta permettendo di conoscerlo e di affrontare il mio sbandamento dovuto al passaggio Maria-Mariano che probabilmente dovrei leggere alla luce delle quattro dimensioni…e poi Giovanna che sento molto vicina in questo mio periodo di sbandamento..finalmente ti sento quarta dimensione!Apprezzo molto il tuo impegno e ti faccio un applauso di incoraggiamento per il movimento della comunità globale del terzo millennio, che va anche ad Eliseo e Roberto(poi comunque mi spiegherete meglio in che consiste!)
    Eh va bè…ci vediamo presto, sono proprio curiosa di immergermi nella seconda parte del corso…
    Ah dimenticavo un grazie particolare a Leonardo, Caterina, Pietro, Mattia, Alice che con le loro rotture mi hanno aiutata e anche divertita molto! Però per questa seconda settimana accettiamo solo Simone e Emma!
    Vi voglio bene, baci bacini

  10. Fabrizio d'Altilia

    Il Quadrimensionalismo è come Maria-Mariano, e le possibili reazioni sono due:
    o più lo conosci e più non sai cosa pensare, oppure più lo conosci e più lo vuoi conoscere.

    “Ipse dixit” da @FABER@ in stile Gabriele La Porta (quello che fa quella specie di salottino culturale alle 3 di notte su Rai3 dove parla sempre di filosofia e di Jung: “Anima! Anima!”).

  11. luna margherita

    Ciao blog! Io sono a lezione in questo momento, con un occhio gonfio che sembro Rocky Balboa…ho somatizzato un po’!

    Io vorrei tanto lasciareun commetno sul quadrimensionalismo,ma…si può dire che non ci capisco un caxxo?!?

    Però invito TUTTI a muoversi un po’ e a lasciare la propria traccia, perchè se no siete dei somaroni. Mi rivolgo a quelli del Centro, a quelli che hanno fatto il Corso di Quadrimensionalismo.

    Insomma, armatevi di tastiera e…SCRIVETE!!!

    Vi bacio,

    lunualità

  12. serena

    Approfitto del blog per alcune comunicazioni personali:
    – che mi è piaciuto molto il commento di Fabrizio sul codice bio-organico e mi dispiace per quello disperso già gliel’ho detto via e-mail, ma male non fa (soprattutto a lui) se glielo riscrivo qua.
    – Giovanna non lo so se sei già scesa nella grotta delle profondità, di certo si tratta di un momento molto importante e delicato per te; voglio solo dirti che ti sto pensando spesso in questi giorni, che sono certa che possa farcela affidandoti, e che ammiro molto la tua crescita, anche perché ricordo che eri molto incastrata tra razionalità e ruoli quando ti ho conosciuto; prenditi questo riconoscimento in pieno, datosi che come dice Mariano sono un po’ zillosa.
    – Barbara non ti ho ancora ringraziata per il tuo schema sulle quattro dimensioni condiviso con noi tutti, è molto semplice, chiaro ed esauriente, che poi sono le qualità che apprezzo di più (insieme alla profondità) in ciò che scrivi. Sinceramente spero che ne abbia fatti anche per i cbs, cbu etc., e che vorrai condividere anche quelli 😉 perché lì la faccenda si complica.
    – Tre abbracci fino a dieci per voi.

  13. serena

    Come dice la particella di sodio della pubblicità: “Perché qui non c’è… NESSUNO!!!”
    Ma dove siete finiti? Tutti a fare i compiti? Per piacere, che poi faccio brutta figura che non sto studiando per niente…
    Tutti senza internet? Devo fare i nomi? Meno male che ci sono gli uomini “F” e Libera che ci ha comunicato ‘sta cosa della merda, e poi ovviamente la mamma del blog, il fiore del blog and so on Luna.
    Condivido alcune cosette spuntate fuori riprendendo in mano il Quadrimensionalismo (l’estate scorsa, dopo aver letto due volte il libro, quindi non crediate che sia secchiona perché in ‘sti giorni non sto studiando nulla, purtroppo). Magari a qualcuno viene in mente di dire la propria.
    Per staccarsi un po’ dalla visione madre-neonato potremmo dire:
    I: il bisogno
    II: ciò che appaga il bisogno
    III: il cum-munus (con sé e con l’esterno)
    IV: la funzione appagante
    O ancora: essere visti – “occhi” – cummunus – fusionalità.
    E per tornare all’epistemologia globale che già un po’ ci appartiene:
    dio padre – dio figlio – spirito relazione – circuito fusionale.
    Poi c’è un bell’inghippo personale, che ho messo in parole così: “Il mio problema con me stessa dev’essere nei movimenti decodificazione-mobilizzazione, perché il bisogno è chiaro a me stessa (i movimenti-messaggio sono ok), la funzione appagante è in me, ma non si mobilita.” A questa cosa vorrò ripensare quando avrò un po’ di calma, sia perché qualcosa mi ha smosso il terremoto Matteo e voglio rivedere la questione alla luce di questo, sia perché mi viene or ora in mente che probabilmente è il Contratto Relazionale con me stessa che fa piuttosto cagare, come capita al 99% di noi non visti svalutini, e manco le nostre superspecificità ci salvano se non dopo anni di sudore e lacrime.
    Meh, mò se nessuno si fa vivo per la disperazione mi dimetto da admin e resto solo fa-natica (ma noi abbiamo solo anonimi fissati col sedere? tutti ancora in fase omosessuale, belli?). No, non è vero, sto bluffando, non potrei… mi piacete pure quando state zitti (e Sabrina anche quando mi riempie di parolacce)… sto proprio inguaiata!
    Ciao dalla nottambula del blog.

  14. Fabrizio d'Altilia

    Sì Serena, sul fatto del codice bio-organico, mi viene da dirti che prima della storia, nella meta-storia, Vita e Conoscenza, Dio e Diavolo-Diaballo erano in unità fusionale. Una volta iniziata la storia e rottasi quest’unità fusionale, è nata la Vita con il codice bio-organico, ma Vita e Conoscenza prima non avevano bisogno di essere due cose distinte e non lo erano. Quindi non è che il codice le ha create, ma è servito come ponte-tentativo per fare dell’esistenza quell’eterno(?) tendere a riuinirsi, a tornare in unità fusionale.

    …Su questo avevo scritto un lungo commento giorni fa, ma mi si è cancellato ed ho bestemmiato contro tutti gli dei e tutti i santi umanoidi, e pure contro la storia e la meta-storia!! 🙂

    Mannaggia a la capa mia!!
    @FABER@

  15. Federico Barattini Zaba

    ciao a tutti, sì Serena, Pietrino in realtà non è capriccioso 🙂 o meglio se gli fai fare ciò che a lui piace va avanti felice e sicuro, è anche molto autonomo. Certo quando invece gli devi imporre cose che a lui non piacciono è diverso… comunque la discesa foggiana ci è servita parecchio al di là del quadrimensionalismo…

    sì la mappa è da sviluppare…. e poi alcune soluzioni grafiche sono obbligate e frammentano un po’ l’unità dell’insieme, tipo profondità di è dentro la metastoria? penso di sì! però forse non coincide interamente con essa… e allora graficamente l’ho messa fuori…. boh 🙂 comunque quando ho tempo vado avanti…

  16. serena

    Grazie Federico per la condivisione,
    che volendo è già spunto di confronto, tipo: ma la profondità “di” non stava nella metastoria? Poi c’è ‘sta cosa a cui sto pensando da quando l’ho sentita, che il codice bio-organico ha dato origine alla storia nel tentativo di risolvere il conflitto… come dire che il ponte tra vita e conoscenza ha dato origine ad entrambe… è la cosa più difficile da intuire per me al momento.
    Siamo sicuri di voler fare a meno di quel bonone di Pietro? Sì, purtroppo sì, con tutto il casino che fa. Però il mercoledì alla Copanda abbiamo giocato con le vecchie bici con le rotelle e a guidare la macchina di papà, non mi ha fatto nemmeno mezzo capriccio, manco quando gli ho detto basta che mi era arrivato il caffè. Sbaciucchiamelo un po’, va!

  17. luna margherita

    Oh…Libera…

    Se sei nella merda è già un ottimo punto di partenza.

    Se te può servirti, puoi utilizzare questi spazi per condividere la tua merda. Potrebbe servire a te e anche a chi come noi legge.

    Principessa quando ci vieni a trovare ad Ancona? Ieri il gruppo ti sarebbe piaciuto molto.

    Per quanto riguarda il corso di quadrimensionalismo…io ho scelto di non farlo, perchè ho vari esami e sarei stata là a metà, con mezza attenzione sul corso e mezza sui libri! Ho dovuto scegliere, e ho scelto l’impegno che mi ero presa. Aspetterò il prossimo corso, nel frattempo, finiti gli esami, voglio immergermi in alcuni nodi che stanno emergendo.

    Fede ora vado a sbirciare la ua mappa..

    Aspetto il prossimo Corso!!

  18. Fabrizio d'Altilia

    Libera, sono contento per te e per la merda! 🙂

    Caro Fede Zaba, ho visto il tuo schema. Per chi sta facendo il corso è abbastanza chiaro, e si potrebbe anche ampliare. Poi mi piacciono anche i colori e la grafica.

    Bravo Fede!
    E scaricalo alla mamma quel cacacazzo piagnucoloso di Pietro! 😀

  19. Anonimo

    Sono Libera, letto l’articolo di Serena molto bello e chiarificatore, ma nonostante tutto sconsiglio vivamente chi vuole fare il corso di quadrimensionalismo perchè mi ha messo ancora di più nella merda…un bacio impastato

  20. Federico Barattini Zaba

    ciao, ho provato a fare una mappa mentale di alcuni concetti del corso di quadrimensionalismo. E’ una bozza ancora acerba, un appunto, un gioco… comunque mi va di condividerla con voi 🙂

    ecco il link:
    mindomo.com/view.php?m=ffe208b76983a6b0a49aa9eff206c2e0

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FACEBOOK

5x1000-Fondazione Nuova Specie